logo-lega-nazionale
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su YouTube Seguici su Instagram

Virtus Roma – Metextra Reggio Calabria

21/01/2018 - Palazzetto dello Sport
18:00
70-74

Virtus Roma – Metextra Reggio Calabria 70-74 (18-23; 41-38; 55-58)

Virtus Roma: Basile, Maresca 4, Chessa 9, Donadoni, Baldasso 2, Lucarelli ne, Landi 17, Vedovato 2, Roberts 17, Thomas 19. All. Bechi.

Metextra Reggio Calabria: Pacher 21, Taflaj 2, Caroti 6, Fabi 6, Baldassarre 9, Rossato 13, Carnovali 4, Agbogan 6, Benvenuti 7, Roberts ne. All. Calvani.

 

Seconda sconfitta consecutiva per la Virtus Roma che cade in casa per mano della Metextra Reggio Calabria 70-74. Dopo tre quarti di gioco equilibrati, con le squadre ad alternarsi nella conduzione del match, i reggini trovano l’allungo a inizio ultimo quarto non permettendo poi più a Roma di riavvicinarsi prima dell’ultimo minuto, quando Maresca arriva a tirare per il pareggio ma viene beffato dal ferro.

Parte bene la Viola che dopo 4’ si trova a condurre 4-10 grazie alla spinta di Pacher (7 punti nel quarto) e Rossato (6). La Virtus però risponde prontamente con un ottimo Landi (8) e a 3’ dal termine del quarto trova il primo vantaggio sul 16-15. Nel finale di periodo sono però ancora gli ospiti a trovare il parziale vincente per il 18-23 sul quale si chiude il quarto. I reggini continuano a condurre anche nei primi minuti del secondo parziale, ma sul 22-28 Roma piazza un break di 11-0 guidata da Roberts (9 nel quarto) e dalla difesa di Maresca e si porta sul 33-28 con 4:40 sul cronometro. Coach Calvani trova energia dalla sua panchina (Baldassarre, Carnovali, Agbogan) per trovare la parità sul 38-38 prima della tripla di Landi che fissa il punteggio del primo tempo sul 41-38.

Il terzo quarto inizia all’insegna delle difese: le percentuali di entrambe le squadre di abbassano e coach Bechi è costretto a limitare i minuti di Roberts per i problemi di falli del centro Usa. Ne approfitta Pacher che segna 11 punti consentendo alla Viola di condurre la gara, la Virtus si tiene in piedi con un Thomas da 8 punti ma alla fine del quarto i reggini conducono 55-58. Roma deve fare i conti con i quarti falli di Baldasso prima e Chessa poi in apertura di quarto mentre Reggio Calabria continua a macinare gioco portandosi sul 57-66, massimo vantaggio, con 6:30 sul cronometro. Purtroppo è la fuga decisiva: Roma prova la rimonta furiosa negli ultimi 2’ di gara e arriva fino a tirare per il pari con Maresca a 22”ma l’arresto e tiro del capitano non è premiato dal ferro. La Viola passa 70-74.

 

Coach Luca Bechi in conferenza stampa: «Siamo arrabbiati e dispiaciuti perché ovviamente questi due punti erano importanti. Siamo consapevoli che dobbiamo migliorare e dei difetti su cui dobbiamo lavorare. Contro una Viola Reggio Calabria molto attenta e compatta, gasata dalle tre vittorie consecutive (oggi la quarta) abbiamo fatto fatica a mantenere il ritmo offensivo: quando la partita è punto a punto ci prende l’angoscia, iniziamo a preoccuparci; si vede dal fatto che per quante volte noi ripetiamo durante la settimana le cose, in partita l’ansia ci attanaglia e sembra che abbiamo passato una settimana in vacanza. Per giocare una partita sono necessari tanti elementi, tanti stati d’animo, tanti equilibri che troppe volte durante la gara facciamo fatica a mantenere. Questi passaggi a vuoto continuano a esserci partita dopo partita e questa è la cosa più importante sulla quale dobbiamo lavorare. La Viola ha giocato fisicamente contro i nostri punti di forza, abbiamo provato a rispondere con la stessa energia, per larghi tratti lo abbiamo fatto ma alla fine ci è mancata la lucidità per rimanere attaccati, e abbiamo preso il break dell’ultimo quarto. Siamo stati bravi a tornare sotto con il cuore, ma purtroppo il tiro del pareggio è andato fuori. Ora dobbiamo reagire in modo positivo alle difficoltà di una stagione complicata, da ultimo l’infortunio di Filloy: la rotazione si stringe e le energie vengono poi a mancare nei momenti decisivi. Il campionato è lungo e l’obiettivo resta quello di raggiungere il quart’ultimo posto in regular season. Oggi siamo amareggiati ma dobbiamo andare a guardare il prossimo avversario, ogni partita che arriva è un’occasione per prendere i due punti. Questa partita ormai è finita, la analizzeremo ma è necessario andare avanti, se ci deprimiamo già in una situazione difficile questo ci schiaccia ancora di più. Questo passaggio della stagione di Roma fa parte del nostro lavoro e dobbiamo affrontarlo con il piglio di chi vuole uscirne».